About the Post

Author Information

image1-1

Cultura come politica e come business: il caso di S.Ansano (di Lorenzo Cristofani)


Ricordo quando da piccolo – per modo di dire, avevo già undici anni – giravo in bicicletta col mio babbo per le  nascoste viuzze di Pistoia. Ero attratto dal nome e dall’aspetto di quelle strade ancestrali attorno a piazza San Lorenzo: via Ligure, via delle Parche, via Borgo Talfano,  via del Soccorso, via della Crocetta… Prima di entrare in quest’ultima, uscendo dalla piazza, mi soffermavo di fronte al mistero di un edificio stravagante, incrinato dai segni e dalle fatiche del tempo, defilato sullo sfondo della piazza ma ancora vibrante di austera fierezza. “Chissà cosa ci sarà” – mi chiedevo –  “quando da grande  tornerò in via della Crocetta e ripenserò alle  grate rugginose di quelle aperture e all’ aula mistica e composta, illuminata da una flebile luce”.

Il rosone barocco a forma di campana, entrata per la colonia di piccioni che di generazione in generazione hanno perturbato lo stato assoluto dell’oratorio di Sant’Ansano, attira ancora oggi lo sguardo distratto dei pistoiesi che parcheggiano o passano dall’antico prato dei frati agostiniani, l’attuale piazza San Lorenzo.

L’antico oratorio intitolato ad Ansano, martire e patrono di Siena, affrescato nella volta sopra all’altare da Bartolomeo Valiani, conservava, stando alle cronache, un Crocefisso che fino agli inizi dell’ Ottocento era alla testa di processioni penitenziali officiate ogni tre anni.

Come tanti altri episodi del patrimonio monumentale pistoiese, anche per  il complesso dell’ex oratorio di Sant’Ansano è auspicabile un riuso che mantenga l’identità storica e il contesto del luogo. Certo, non è possibile  pensare di riportare i pistoiesi alla loro storica devozione spirituale che si è stratificata in una galassia di luoghi di culto o comunque collegati alle funzioni religiose. La nostra è la civiltà mondializzata, dell’individuo, delle minacce e sfide globali; il modello dell’ordinatissima civiltà a vocazione ecclesiastica, comunitaria e ordinatamente strutturata come la Pistoia di fine Settecento appartiene alla storia.

Però, parlando del ruolo dell’amministrazione locale, più che mai è necessario un patto civico in cui la politica sia il moderatore tra la realtà e il modello culturale cui si vuole arrivare. Questo ragionamento vale per il patrimonio  architettonico e artistico, che necessita di un approccio a più livelli. Patrimonio vario e complesso, di cui l’oratorio di Sant’Ansano ne è  un caso, per il quale serve fortemente una visione di lungo periodo, magari spinta dal sogno e dalla bellezza, che permetta comunque la condivisione d’intenti e investimenti qualificati. C’è bisogno del ruolo dell’imprenditoria bancaria e delle fondazioni, dell’intesa e fiducia tra pubblico e privato in nome di chiari obiettivi. Se non c’è questa cultura di fondo non ci potrà essere nessuna politica; per questo basta guardare al Risorgimento. E proprio un nuovo Risorgimento è ciò che serve a Pistoia e a tutti quei cittadini che la riconoscono come casa comune.

Apriamo dunque il dibattito su questi temi!

About these ads

Tag:,

One Comment su “Cultura come politica e come business: il caso di S.Ansano (di Lorenzo Cristofani)”

  1. icittadiniprimaditutto 6 aprile 2012 at 18:34 #

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: